LOGO2015

Associazione Motociclisti Non Agitati

Motoamicizia 2013-100Motoamicizia 2013-82DSC_5239.JPGDSC_5271.JPGDSC_4907.JPGLBF_4897.JPG
15/04/2016, 20:24



Acquistare-una-moto-usata:-come-comportarsi?


 Ecco qualche consiglio su cosa guardare, chiedere, controllare e come comportarci prima di decidersi.



Marzo e aprile sono i mesi di picco per la vendita di moto usate, con le belle giornate che stanno per arrivare e la voglia di comprare la moto dei sogni.
Meglio il privato o il commerciante? Dipende. Va tenuto presente che un commerciante è obbligato a darvi una garanzia sulla moto che vi vende, quindi è possibile che il prezzo sia più elevato; in ogni modo, anche se chi vi vuole vendere una moto è il concessionario di una grande Casa, non dimenticate di ispezionarla minuziosamente.
  • Esaminatela bene
 Non fate i timidi e siate pignoli. Bombardate di domande il proprietario e analizzatela fin nei minimi dettagli. In molti casi, portarsi dietro un amico o un meccanico vero aiuta molto.
 I graffi molto profondi e longitudinali, solitamente posti sulle fiancate, sul serbatoio o nei pressi delle pedane sono i segni di un incidente, ovvero di una caduta in movimento, quella che, di solito, provoca danni più gravi al mezzo. Bozzi, abrasioni verticali e lievi sfregi sono, invece, il probabile sintomo di una caduta da fermi, generalmente meno preoccupante.
 Osservate lo stato di cura dei componenti della ciclistica, verificate che i cerchi non abbiano botte, che lo spessore dei dischi sia buono, che non ci siano perdite d’olio. 
 Capire il funzionamento dell’impianto elettrico di una motocicletta non è cosa semplice, soprattutto sulle moto più moderne che hanno centraline sempre più complesse. La prova che si può fare è: con la moto davanti ad un muro, accendete i fari abbaglianti e controllate se la luminosità varia aumentando il regime di rotazione del motore; ciò non dovrebbe accadere, se capita potrebbero esserci problemi allo statore o al regolatore di tensione.
Un metodo molto semplice per capire se è ora di sostituire la catena è questo: prendete la catena con due dita dal punto più esterno della corona e tirate. Se riuscite a spostare le maglie di mezzo centimetro o più vuol dire che la catena è troppo usurata.
  Muovendo lo sterzo a motore acceso è importante verificare che questo non modifichi il suo regime di minimo, altrimenti ci troviamo davanti ad un piccolo problema ai cavi dell’acceleratore, cosa non grave da sistemare ma che potrebbe rivelarsi pericolosa durante la prova del mezzo.
 Logicamente non fatevi remore a chiedere documentazione, cronologia tagliandi e storia della moto.
  • Provatela
Prendere una moto ad occhi chiusi, fidandosi solo di quello che avete visto è da sciocchi, quindi prendetevi il vostro tempo e pretendete di farci un giro. Provarla è forse la parte più importante: anche una moto immacolata, apparentemente perfetta, può avere il telaio storto in seguito a una caduta, e questo lo potete scoprire solo facendoci un giro. Allo stesso modo potrebbe avere qualche problema all’impianto elettrico, la frizione che non friziona o il cambio che non cambia.
Ingranate tutte le marce, ascoltando il rumore prodotto dal cambio e soprattutto assicurandovi che, nel passare da un rapporto all’altro, non siano presenti strani puntamenti. Controllate che tutte le marce s’inseriscano e che tutte funzionino regolarmente.
Inoltre provare una moto vi fa capire - al primo colpo - se è davvero la moto che fa per voi.
  •  La PRENDO!
Avete finito. I "controlli" vi hanno convinto, questa è la moto che fa per voi. 
Arrivati a questo punto dovete dare uno sguardo al libretto di circolazione della motocicletta, verificate che i dati riportati corrispondano effettivamente a quelli indicati sulla targhetta d’omologazione della moto e che il numero di telaio non sia stato manomesso o sia diverso da quello scritto nel documento. Controllate che la persona che avete di fronte sia effettivamente il proprietario della motocicletta e prestate attenzione al numero di passaggi di proprietà che ha avuto il mezzo. 
Ora non resta che prendere accordi sul prezzo, naturalmente tenendo in considerazione i difetti che avete notato.
In una trattativa fra privati (ma anche con i rivenditori), l’acquirente e il venditore giocano quasi sempre ad armi pari. Chi vende vuole realizzare e chi compra vuole un prezzo giusto, quindi non fate troppo gli arroganti e non pretendete cose impossibili.  Prima di tutto siate trasparenti.
Cercare di mantenere un rapporto amichevole con il venditore, potrebbe tornarvi utile in seguito.


1

Acquistare una moto usata: come comportarsi?

15/04/2016, 20:24

Acquistare-una-moto-usata:-come-comportarsi?

Ecco qualche consiglio su cosa guardare, chiedere, controllare e come comportarci prima di decidersi.

www.nonagitati.it  Tutti i diritti riservati

Create a website